Luca Pavoni, da Matelica al Sassuolo

Lunedì, 11 Febbraio 2019 14:12 Scritto da  Letto 2746 volte
  Clicca per ascolare il testo Luca Pavoni, da Matelica al Sassuolo Molti lo ricordano in campo come attaccante di razza pronto a perforare le difese avversarie. Da calciatore ha iniziato la sua carriera nella Settempeda di Cristian Bucchi nel campionato di Eccellenza per poi indossare le maglie di Real Montecchio, Jesina, Foligno, Fabriano, Urbisalviense, in una sorta di altalena fra Eccellenza e Serie D. Una volta conclusa lesperienza da calciatore, con le scarpette appese al classico chiodo, Luca Pavoni ha scelto di sedere in panchina intraprendendo la carriera di allenatore. E ancora una volta la sua strada si è incrociata con quella di Bucchi con cui ha collaborato a Macerata e Perugia prima del grande salto in serie A nello staff tecnico del Sassuolo, società cui pavoni è legato fino al prossimo 30 giugno. Esperienze indubbiamente di grande spessore, sia umano che professionale, quelle vissute da Luca Pavoni, che ricorda sempre con piacere gli inizi al fianco di Cristian Bucchi. Quella con Bucchi, che non smetterò mai di ringraziare, è stata sicuramente unesperienza fantastica che mi ha aperto diverse strade – le sue parole – Sarò nei prossimi giorni a Coverciano per sostenere il test di ammissione al corso di match analyst e, nel frattempo, ha anche partecipato al bando di ammissione al corso per allenatore professionista. Tanta carne al fuoco, dunque, per un tecnico che ha vissuto anche esperienze con i ragazzi nel settore giovanile del Camerino. Indubbiamente esiste una differenza abissale tra il lavorare con i giovani e loperare allinterno di una squadra professionistica. In sostanza, riferendomi come esempio allesperienza vissuta a Sassuolo, ma lo stesso è stato a Perugia, con Bucchi lavoravo sulla tecnica individuale dei giocatori e gestivo lo spogliatoio, facendo da filtro tra la squadra e lallenatore. Sicuramente un ruolo di assoluta responsabilità. Con Pavoni, considerata la sua attività nei settori giovanili, affrontiamo anche la questione giovani di cui da sempre si fa un gran parlare. A mio avviso – ritiene Pavoni – i giovani hanno bisogno di giocare. Seguo gli allenamenti di diverse squadre, anche quelle cosiddette minori, e noto con piacere che sempre più giovani si affacciano nel mondo delle prime squadre. E questo è positivo perchè soltanto giocando i più giovani riescono ad acquisire lesperienza necessaria. Ha le idee molto chiare anche sul suo futuro Pavoni che, come detto, è in scadenza di contratto con il Sassuolo. Lobiettivo principale – conclude – è quello di continuare come collaboratore tecnico in una società professionistica (al riguardo esistono contatti con alcune società di serie B anche se per il momento nulla si è ancora concretizzato ndr). Se, però, non arriverà la chiamata giusta o il progetto che ritengo idoneo sono pronto anche a mettermi in gioco come allenatore di una squadra dilettantistica.  
Luca Pavoni, da Matelica al Sassuolo

 

Molti lo ricordano in campo come attaccante di razza pronto a perforare le difese avversarie. Da calciatore ha iniziato la sua carriera nella Settempeda di Cristian Bucchi nel campionato di Eccellenza per poi indossare le maglie di Real Montecchio, Jesina, Foligno, Fabriano, Urbisalviense, in una sorta di altalena fra Eccellenza e Serie D. Una volta conclusa l'esperienza da calciatore, con le scarpette appese al classico chiodo, Luca Pavoni ha scelto di sedere in panchina intraprendendo la "carriera" di allenatore. E ancora una volta la sua strada si è incrociata con quella di Bucchi con cui ha collaborato a Macerata e Perugia prima del grande salto in serie A nello staff tecnico del Sassuolo, società cui pavoni è legato fino al prossimo 30 giugno.

Esperienze indubbiamente di grande spessore, sia umano che professionale, quelle vissute da Luca Pavoni, che ricorda sempre con piacere gli inizi al fianco di Cristian Bucchi. "Quella con Bucchi, che non smetterò mai di ringraziare, è stata sicuramente un'esperienza fantastica che mi ha aperto diverse strade – le sue parole – Sarò nei prossimi giorni a Coverciano per sostenere il test di ammissione al corso di match analyst e, nel frattempo, ha anche partecipato al bando di ammissione al corso per allenatore professionista".

Tanta carne al fuoco, dunque, per un tecnico che ha vissuto anche esperienze con i ragazzi nel settore giovanile del Camerino. "Indubbiamente esiste una differenza abissale tra il lavorare con i giovani e l'operare all'interno di una squadra professionistica. In sostanza, riferendomi come esempio all'esperienza vissuta a Sassuolo, ma lo stesso è stato a Perugia, con Bucchi lavoravo sulla tecnica individuale dei giocatori e gestivo lo spogliatoio, facendo da filtro tra la squadra e l'allenatore. Sicuramente un ruolo di assoluta responsabilità".

Con Pavoni, considerata la sua attività nei settori giovanili, affrontiamo anche la questione giovani di cui da sempre si fa un gran parlare. "A mio avviso – ritiene Pavoni – i giovani hanno bisogno di giocare. Seguo gli allenamenti di diverse squadre, anche quelle cosiddette minori, e noto con piacere che sempre più giovani si affacciano nel mondo delle prime squadre. E questo è positivo perchè soltanto giocando i più giovani riescono ad acquisire l'esperienza necessaria". Ha le idee molto chiare anche sul suo futuro Pavoni che, come detto, è in scadenza di contratto con il Sassuolo. "L'obiettivo principale – conclude – è quello di continuare come collaboratore tecnico in una società professionistica (al riguardo esistono contatti con alcune società di serie B anche se per il momento nulla si è ancora concretizzato ndr). Se, però, non arriverà la chiamata giusta o il progetto che ritengo idoneo sono pronto anche a mettermi in gioco come allenatore di una squadra dilettantistica".

 

allenamento sassuolo Pavoni


newtec 2019

 

ASCOLTA LA DIRETTA

Notizie dall'Appennino Camerte - RadioC1

Maltempo. Grandine sulle Sae e alberi abbattuti

Maltempo. Grandine sulle Sae e alberi abbattuti
L'ondata di maltempo che ha interessato la provincia da giovedì scorso ha caratterizzato anche questo pomeriggio, soprattutto nell'entroterra dove forti piogge e…

6x3 pubbl rinnovabile 2019 ridotto

 

RADIOC1INBLU

Indirizzo: P.za Cavour, 8 - 62032 Camerino (Mc)
Telefono:  0737.633180
Cellulare:  335.5367709
E-mail:  radioc1inblu@gmail.com

 ASCOLTA LA DIRETTA

Clicca per ascolare il testo