Eccellenza: Un " paracadute " per l'Ancona e la Maceratese

Domenica, 13 Agosto 2017 10:04 Scritto da  Letto 2646 volte
Eccellenza: Un " paracadute " per l'Ancona e la Maceratese

Dopo l'uscita dei calendari di serie D e la conferma che Ancona e Maceratese non sono state incluse, ora per i tifosi Dorici e della Rata resta una sola speranza, il "paracadute" dell'Eccellenza che porterebbe il massimo campionato regionale a 18 squadre e una ripartenza " dignitosa " per i tifosi.

Da Macerata arrivano notizie quasi sicure del ripescaggio, notizia in parte positiva  dopo la mancata iscrizione alla Serie D voluta, e tanto sbandierata, dall'amministrazione a guida Carancini con Canesin e Mosca che non hanno raggiunto lo scopo.

Nella tarda serata di sabato è arrivata in redazione una lunga nota da parte di Carlo Crucianelli che attualmente possiede il 95% delle quote dell S.S. Maceratese.

Di seguito il comunicato integrale:

 

"Sabato 29.07.2017 ho incontrato un consulente aziende Sportive esperto in Diritto e Giustizia Sportiva.

Valutata la situazione generale sportiva della posizione della S.S.Maceratese e avendo appurato che nel frattempo si erano create situazioni favorevoli alla società, abbiamo concretamente ragionato sulla possibilità di poter richiedere entro il termine del 03.08.2017, previsto dal Regolamento F.I.G.C., domanda di iscrizione in sovrannumero al Campionato Nazionale Serie D e, in subordine, al Campionato Regionale di Eccellenza.

 

E’ stato quindi dato mandato al professionista di valutare le reali possibilità di probabili iscrizioni a campionati dilettantistici pregandolo, visti i tempi stretti, di inoltrarci quanto prima relazione indicando chiaramente anche i costi da sostenere per la sua opera professionale.

Prontamente il 30.07.2017 alle ore 11,00 il Professionista inviò dettagliata relazione inerente all’incontro, dalla quale emerge la reale e concreta possibilità da parte della S.S.Maceratese s.r.l. di presentare domanda di iscrizione in sovrannumero in categorie dilettantistiche.

Nel pomeriggio del 30.07.2017 preso il bar di un balneare, consumando una birra ghiacciata con un mio amico, mi capitò tra le mani il quotidiano il Resto del Carlino il quale riportava un articolo che recitava “Carancini alla FIGC: Vogliamo rispetto”, nel quale il Sindaco, a seguito di una dichiarazione del Presidente Regionale Cellini, chiede rispetto per una società che ha quasi cento anni di storia (presumo la S.S.Maceratese) che ha nobilitato la regione nel terzo campionato nazionale, chiede quindi rispetto per la città e per la squadra. L’articolo continua dicendo che Carancini guarda con attenzione alle trattative che vedono protagonista Maurizio Mosca dimostratosi disponibile a trovare una soluzione. L’ipotesi, come noto, è quella di iscrivere una nuova società all’Eccellenza, visto che quella vecchia è destinata al fallimento (recita sempre l’articolo), chi ha voglia di fare restare in piedi la Maceratese deve attivarsi con passione e senza riserve, ….. “Sto agendo anche in prima persona per cercare di capire quali possano essere le disponibilità – aggiunge Carancini -, ma credo sia giusto che a muoversi siano gli imprenditori. C’è ancora un piccolo spazio temporale, questa settimana è decisiva. Chi è interessato – conclude – si faccia avanti o direttamente al sindaco o rivolgendosi al gruppo di imprenditori che si sta muovendo per salvare la Maceratese”.

 

Carancini Mosca

Prendendo quindi spunto dall’incontro avuto il giorno prima e dalla relazione del professionista Consulente Aziende Sportive, insieme all’articolo del Sindaco (che a mio avviso era capitato a fagiolo), alle 17,19 inviai sms al Sindaco chiedendo se potevo chiamarlo, ricevuta risposta affermativa, alle ore 17,21 chiamai al cellulare Romano Carancini.

Dopo aver spiegato che ci poteva essere la possibilità di iscrivere direttamente la S.S.Maceratese s.r.l. al campionato Eccellenza con una procedura di richiesta in sovrannumero, praticamente sopportando il costo della normale iscrizione e dopo aver illustrato il progetto di ristrutturazione della S.S.Maceratese sia per i debiti sportivi che per i debiti ordinari verso i fornitori, il Sindaco in prima battuta mi risponde che secondo lui non è una strada percorribile, ma a seguito del mio invito al ragionamento insistendo sul fatto è una strada percorribile e più semplice rispetto a quella che poteva essere 10 gg. prima, il Sindaco mi rispose di percorrere la strada più opportuna e che lui mi avrebbe rispettato, invitandomi a risolvere il problema dichiarandosi contento se lo avessi risolto in quanto “c’è bisogno di fatti e non di

chiacchiere, questo è il vero problema, quando ci saranno i fatti sono pronto a stare dalla parte di chi li fa”, a quel punto avendo capito che anche il gruppo di imprenditori aveva fatto solamente chiacchiere, chiesi al Sindaco che cosa stavano facendo insieme al gruppo capitanato da Mosca onde evitare di creare problemi e/o intralcio. Il Sindaco mi rispose che lui praticamente non stava facendo niente e che stava solamente aspettando persone volenterose per riaprire la questione, di non sapere a che punto era Mosca e che comunque è Mosca che ci deve pensare.

Avendo quindi ricevuto la benedizione del Sindaco a provare a risolvere il problema, chiamai il Presidente Cellini con il quale concordai un appuntamento per il giorno successivo alle ore 10,30 circa.

Il 31.07.2017 incontrai il Presidente Cellini il quale mi disse che ero l’unico che aveva chiesto di parlare con lui per quanto riguarda la problematica Maceratese e che a suo avviso la S.S.Maceratese s.r.l. è l’unica Società di Calcio della Regione Marche, ad avere diritto di accesso diretto in Eccellenza. in quanto scenderebbe di due categoria rispetto al suo titolo sportivo. La domanda andava presentata chiaramente al Presidente F.I.G.C., al Presidente L.N.D. Nazionale e a lui, considerando che le figure che avrebbero potuto esprimere parere in tal senso erano prima di lui i due precedenti intestatari in quanto la S.S.Macerate s.r.l. stava scendendo dai professionisti.

Nei giorni successivi diedi mandato al Professionista di preparare domanda di iscrizione in sovrannumero in Serie D e, in subordine, in Eccellenza. La domanda è stata regolarmente inviata nei termini del 03.08.2017 (pronto ad inviarla a chi ne facesse richiesta) e della quale stiamo ancora aspettando ufficiale risposta da parte della F.I.G.C..

Questo quanto è stato fatto per provare ancora una volta a salvare il salvabile. Ho incontrato personalmente il Sindaco Carancini in Comune tre volte, la prima il 07.07.2017, colloquio molto cordiale corretto e piacevole, la seconda volta il

13.07.2017 per aggiornamenti di carattere generale, la terza volta lunedì 07.08.2017 a seguito di invito da parte dell’assessore Canesin. Verso le ore 16,15 mentre io ero al secondo piano nell’androne in attesa, arrivò il Sindaco impegnato in una telefona il quale a seguito di un mio cenno di saluto non si è nemmeno degnato di rivolgermi lo sguardo. A quel punto ho capito che forse il Sindaco non aveva più tanta voglia di interloquire con me (comunque, nonostante questo le notti successive ho continuato a dormire tranquillamente come tutte quelle precedenti a quell’incontro). Alle 16,30 mi recai con Canesin e il Dott.Puliti nell’uffio della’Assessore il quale dopo un piccolo cappello introduttivo mi comunicò che alla S.S.Maceratese s.r.l. sarebbe stata revocata la concessione della struttura di Colevario in quanto sprovvista di utenza idrica a suo dire chiusa per morosità. Ci salutammo poco dopo con l’avviso che mi avrebbero inviato mail in merito. Il giorno successivo e nei giorni seguenti mi recai nella struttura di Collevario essendo sicuro che tutte le utenze erano perfettamente collegate e funzionanti, ho quindi diffidato il Comune dall’astenersi da qualsiasi eventuale azione in quanto nella Revoca della convenzione era stato dichiarato il falso. Ora avendo ascoltato e letto le conferenze stampa del Sindaco Carancini mi stò rendendo conto che forse c’è qualcosa che mi sta sfuggendo.

Vista la lettera di risposta del Presidente Tavecchio datata 09.08.2017 Prot.n.2697/Presidenza ho il sospetto che Carancini abbia operato in nome e per conto della S.S.Maceratese, spero di sbagliarmi, infatti chiederò accesso agli atti per avere copi della lettera del Sindaco datata 08.08.2017 indirizzata al Presidente Federale. Invito pubblicamente il Sindaco Carancini a rendere nota la sua lettera del 08.08.2017 intestata alla F.I.G.C.

Il Sindaco dice che si sente preso in giro, da quello che ho potuto capire, da quello che non ha fatto il gruppo della nuova Maceratese e leggendo la risposta del Presidente Tavecchio non mi sembra che nessuno lo abbia preso in giro, forse è lui, a mio avviso che ha preso in giro tanta gente visto che gli adempimenti non sono stati assolti nei termini stabiliti.

Il Sindaco dice “Non sono io a dire che la Maceratese debba per forza essere iscritta nel massimo campionato dilettanti – precisa il Sindaco -, ma questa è la condizione imposta da Ruggeri. Fosse per me farei anche altre categorie …… “, Mi sbaglio oppure

ho letto da qualche parte “Serie D o niente”, inoltre “ …..La FIGC lo scorso 21 luglio

ci ha scritto dando la possibilità alle squadre di Lega pro che non si sono iscritte di farlo in un altro campionato……” Perché di questa lettera non sono mai stato informato? Che c’è scritto in quella lettera.

Forse il Presidente, quando scrive “in alcuni casi” voleva intendere che se ci fosse stata una reale Nuova società con una Nuova Matricola F.I.G.C. e soprattutto con Assegno Circolare di €150.000,00 i tempi forse potevano essere dilatati. Niente di tutto questo è stato fatto.

Inoltre visto che si parla di 95 anni di storia della Maceratase di quale società parla, di quella che non esiste e quindi non può avere 95 anni storia, oppure dalla S.S.Maceratese s.r.l., perché se si parla dei fantasmi per me va bene ma se invece si parla gratuitamente e senza titolo della S.S.Maceratese non credo vada molto bene. Non riesco nemmeno a capire se il Presidente Tavecchio abbia risposto ad una società di Calcio oppure al sindaco di un capoluogo di provincia.

Nella lettera che ha mostrato il Sindaco si legge come Oggetto:non ammissione società S.S.Maceratese s.r.l., quindi sembrerebbe che il Sindaco operi in nome e per conto della S.S.Maceratese s.r.l. oppure il Presidente Tavecchio abbia fatto confusione tra la Società FANTASMA e la S.S.Maceratese, il Presidente Tavecchio successivamente scrive “riscontro la Sua dell’8 agosto 2017, con la quale …..” quindi

sembrerebbe che il Sindaco abbia scritto una lettera al Presidente Tavecchio con un’indicazione riferita alla S.S.Maceratese s.r.l., eventualmente a che titolo? Sarebbe bello che il Sindaco mostrasse anche la lettera da lui inviata in data 08.08.2017 indirizzata al Presidente Tavecchio.

Inoltre durante la Conferenza Stampa si è continuato a parlare di S.S.Maceratese s.r.l., questioni note a chiacchiere a tutti i giornalisti, forse anziché chiacchierare visto che si parla di responsabilità riconducibili anche alla Lega perché non è stata investita la Procura della Repubblica per aiutare a fare chiarezza?

Inoltre non risponde a verità il fatto che l’iscrizione ad un campionato diverso dalla Serie C andava fatto attraverso il Sindaco, dove stà scritto. Se si legge il Comma 10 dell’Art. 52 della NOIF ci se rende conto immediatamente che non si parla in nessun passaggio che l’iscrizione deve passare attraverso il Sindaco (10. In caso di non ammissione al campionato di Serie A, Serie B e di Divisione Unica-Lega Pro il Presidente Federale, d’intesa con il Presidente della LND, potrà consentire alla città della società non ammessa di partecipare con una propria società ad un Campionato della LND, anche in soprannumero, purché la stessa società adempia alle prescrizioni previste dal singolo Comitato per l’iscrizione al Campionato. Qualora fosse consentita la partecipazione al Campionato Interregionale o al Campionato Regionale di Eccellenza, la società dovrà versare un contributo alla FIGC). Quindi per concludere:

Per quanto riguarda gli incontro tra il Sindaco e Tavecchio non è una cosa di mio interesse;

La cosa invece di mio interesse è fare chiarezza una volte per tutte di quale Maceratese calcistica si parla, della FANTASMA? Della S.S.Maceratese s.r.l.?

L’altra cosa di mio interesse è far capire a tutti che non è assolutamente vero che il Sindaco “non conosce il percorso che ha fatto Crucianelli” e capire inoltre che cos’è questo documento del 21 di luglio e che cosa recita, forse se il Sindaco mi avesse aggiornato del contenuto del documento sarei sicuramente e molto volentieri passato a trovare sia l’assessore allo Sport che il Sindaco in Comune, anche per cercare di capire una volta per tutte come mai tutto questo accanimento contro S.S.Maceratese s.r.l..

Vorrei fare un appunto alla dichiarazione rilasciata da parte del Sig. Maurizio Mosca, che purtroppo non ho mai avuto il piacere di conoscere, inerente alla sua affermazione citata durante l’intervista pubblicata nel Resto del Carlino dell’ 11.08.2017 dove dice “Ma c’è anche da dire che in Lega avranno ricevuto tantissime telefonate in questo periodo, c’erano anche le altre società della città che hanno contribuito a creare confusione”. Se c’è qualcuno che ha creato confusione quella non è certamente la S.S.Maceratese s.r.l. nota appunto alla Lega, ma vorrei capire quando eventualmente ha chiamato lei o chi per lei della sua cordata, con quale società e/o appellativo vi siete presentati? Secondo Lei è la S.S.Maceratese s.r.l. che ha creato confusione? Io non credo prooprio.

Ad oggi la S.S.Maceratese s.r.l. è ancora in attesa di conoscere ufficialmente risposta da parte della F.I.G.C. sulla domanda di iscrizione in sovrannumero in Serie D e, in subordine, in Eccellenza, inviata il 03.08.2017, per poter programmare, il futuro della S.S.Maceratese s.r.l., che anche a detta del Presidente Comitato Marche il Sig. Paolo Cellini, con il quale ho parlato anche stamane, è l’unica Società Calcistica Marchigiana ad avere pieno diritto ad essere inserita nel campionato di Eccellenza.


radioc1 on air

Notizie da RadioC1

"Un cuore che batte nel cuore di Camerino". Cresce l’attesa per il flash mob in piazza Cavour

“ In 200 per non mollare”. Un modo per far sentire alla città tutto l’amore dei suoi abitanti e il forte sentimento…

acquista spazio

RADIOC1INBLU

Indirizzo: P.za Cavour, 8 - 62032 Camerino (Mc)
Telefono: +39.0737.633180
Cellulare: +39.335.5367709
E-mail: info@radioc1inblu.it
E-mail: sport@radioc1inblu.it

Ascolta RadioC1 On Air